Caterina Soffici presenta il suo romanzo sull'Arandora Star



L'Arandora Star era una bellissima nave da crociera, che diventò simbolo di morte e disperazione.

Requisita per esigenze belliche, fu caricata di internati civili italiani e tedeschi e diretta in Canada, e affondata dallo U-Boot tedesco U-47 il 2 luglio 1940 nelle acque dell'Atlantico Settentrionale.

Nella tragedia del 2 luglio 1940 annegarono circa 800 persone, di cui 446 civili italiani, deportati dopo la dichiarazione di guerra di Mussolini all'Inghilterra, vittime innocenti del sospetto e della xenofobia.

Molte delle vite perse in quel mare erano originarie del nostro Appennino, gente emigrata a Londra per cercare lavoro, per farsi una vita, lasciando la propria famiglia e casa natale, da Bardi, Borgo Val di Taro, Bedonia.

Caterina Soffici, giornalista e scrittrice, ha pubblicato per Feltrinelli Editore il romanzo "Nessuno può fermarmi", che racconta una storia popolare legata alla vita degli italiani e dei valtaresi emigrati a Londra, e della loro tragica fine sull'Arandora.

Invitata a far parte della giuria del Premio La Quara, presenterà il suo libro, intervistata dal giornalista del Corriere della Sera Antonio Ferrari, venerdì 25 agosto alle 18 sotto i portici di Palazzo Manara, con le letture dell'attrice Simona Caucia Gaslini.



Commenti