Conosciamo i finalisti : Angela Incutto e l'amore per Siena

Continuando sulla parte "rosa" dei finalisti del Premio La Quara, vi presentiamo oggi la seconda, Angela Incutto.

Nata nel 1988, vive in provincia di Cosenza. Laureata in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Siena, ha appena terminato la pratica forense e collabora con uno studio legale. Nella sua attività di scrittrice, ha già ottenuto successi a premi letterari e le sue opere sono pubblicate in antologie come “Diglielo al vento - Donna in poesia-versi al femminile” e “Donna sopra le righe”.



Ecco come ci parla di sè:

Ho letto il mio primo vero libro a 5 anni. Non potrò dimenticarlo, la versione Disney del "canto di Natale" di Dickens. Lo ho amato. Ed ho amato la lettura da quel momento in poi. Un amore profondo e viscerale. Pensavo che non avrei potuto avere passione più grande nella vita. Ma mi sbagliavo. Qualche anno più tardi ho capito che c'era una cosa che mi piaceva più di leggere: scrivere. Ho iniziato a scrivere in ogni forma e con qualsiasi strumento.Ma ciò che mi fa sentire viva è prendere un foglio di carta ed una penna ed inventare storie. Raccontare. Riempire di parole un foglio bianco mi dà la sensazione di avere un posto nel mondo. Le parole messe per iscritto con una grafia imperfetta e sbavata sono il mio pane quotidiano. I tasti di un computer non mi danno la stessa soddisfazione.
Scrivere non è solo un hobby o una passione. È quello che faccio ogni giorno nella vita, seppur in forme diverse.
Sono laureata in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Siena, ho appena terminato la pratica forense e collaboro con uno studio legale di Siena. Fra qualche mese sosterrò l'esame di abilitazione all'esercizio della professione di avvocato.
Ho capito che avrei voluto fare l'Avvocato a 13 anni. Ho lasciato la mia casa a 18 e sono andata via per inseguire quel sogno a 700 km di distanza in una città, che è quella nella quale ancora vivo, che amo profondamente e che ha ispirato il mio racconto: Siena.

Commenti